marzo 2010



Dopo le anticipazioni dei giorni scorsi è stato predisposto il programma delle iniziative nella cui cornice sarà inaugurato il castello dell’Emiro. Rievocazioni storiche, mostre fotografiche, musica lirica e leggera. Questo è il mix che l’amministrazione comunale ha predisposto per dare il giusto risalto ad un monumento che è l’icona della città di Misilmeri. La cerimonia ufficiale di inaugurazione si svolgerà sabato 27 marzo alle ore 11,00. Il programma della manifestazione ruota intorno alla realizzazione di un corteo storico in costumi d’epoca,  rievocanti i periodi storici salienti del castello. La sfilata muoverà intorno alle ore 18,00 da piazza Santa Teresa, Corso Vittorio Emanuele, via Trebisonda e si chiuderà nel piazzale del Castello. Lungo il percorso saranno installate le ‘taverne’  all’interno delle quali sarà possibile degustare prodotti tipici locali. Domenica 28 ancora una rievocazione storica. Questa volta  è  il palio dei sestrieri a tenere il campo. Quattro cavalli, uno per ciascuno dei sestrieri in cui era diviso il paese, partiranno dai quattro punti cardinali di Misilmeri e concluderanno il torneo nella spianata del castello. La manifestazione sarà chiusa dal concerto del tenore Pietro Ballo. Nei giorni 27 e 28, in collaborazione con il FAI e con gli studenti della scuola media statale C. Guastella, si svolgeranno le visite guidate del castello. “Il castello è lo spettacolo nello spettacolo “, ha commentato il sindaco Badami, “e sarà una vera sorpresa per quanti lo conoscevano prima del restauro. Abbiamo messo tutto il nostro impegno per arrivare alla inaugurazione in tempi celeri, ed oggi sono orgoglioso come sindaco e come cittadino di Misilmeri. L’altra sera abbiamo acceso le luci, per una prima prova generale, e non vi è stato collaboratore che con me non abbia provato una forte emozione. Ora dobbiamo pensare al futuro, alle opportunità che si aprono per la nostra cittadina, alla salvaguardia del castello come obiettivo al quale tutti dobbiamo concorrere”. Per l’occasione è stato istituito un annullo filatelico che sarà operante sabato 27, dalle ore 8,00 alle ore 14,00. Una chicca per bambini, giovani e meno giovani, sarà il volo degli aquiloni che saranno realizzati secondo una vecchia tradizione misilmerese quando gli aquiloni si chiamavano ’stidde’.

Dal sito del Comune di Misilmeri

Torna il premio “Rocco Chinnici – Città di Misilmeri – Una cultura per la legalità‘” Nel 2010 il premio andrà a S. Ecc.za mons. Paolo Romeo arcivescovo di Palermo. La scelta del presule dell’arcidiocesi di Palermo cade in un momento particolarmente sensibile della vita italiana. Il recente appello della Conferenza Episcopale Italiana sul degrado sociale e politico di alcune regioni meridionali, ha infatti posto in evidenza le responsabilità delle classi dirigenti per la diffusa illegalità in cui vivono le popolazioni. La manifestazione del 16 marzo vuole dare anche una risposta al problema posto dalla CEI, attraverso un dibattito al quale prenderanno parte uomini impegnati nelle istituzioni, come il prefetto di Palermo, il presidente della Corte d’Appello del Tribunale di Palermo, il Questore, ma anche uomini che rappresentano i vertici politici siciliani, come il  presidente della regione siciliana Raffaele Lombardo. Il premio a mons. Paolo Romeo ha inoltre un valore simbolico che mette in rilievo l’impegno della chiesa contro la criminalità mafiosa ed il sacrificio di vite che tale impegno è costato a uomini come don Pino Puglisi.
Nel 2010, come è già avvenuto nelle precedenti edizioni, saranno presenti i familiari, Caterina e Giovanni Chinnici, ed il presidente della Fondazione Rocco Chinnici, cointestataria della manifestazione, gen. Rametta.

Tratto dal sito del Comune di Misilmeri

“Domenica 14 Marzo 2010 l’associazione socio-culturale Laboratorio Democratico sarà in piazza Comitato dalle ore 9:00 alle ore 21:00 per la fase conclusiva della raccolta fondi in favore di Scaletta Zanclea. In particolare verrà allestito un gazebo all’interno del quale saranno presenti alcuni salvadanai dell’associazione. Per qualsiasi informazione sull’iniziativa si può contattare l’indirizzo di posta elettronica lab.democratico@libero.it o rivolgersi direttamente ai ragazzi del laboratorio nella giornata di Domenica in piazza Comitato.”

Associazione Laboratorio Democratico

E’ Con grande gioia che la Comunità parrocchiale di San Gaetano,Annuncia la riapertura, della Chiesa, al culto dopo sei Mesi di lavori di Restauro:

12 Marzo 2010

Ore 20:30 Fiaccolata, con la presenza del Simulacro ligneo seicentesco del SS. Crocifisso per le vie del territorio parrocchiale; durante il  percorso saranno meditate le stazioni della Via Crucis. Il momento avrà inizio davanti i Locali della Parrocchia

13 Marzo 2010

Ore 18:30 Celebrazione Eucaristica per la riapertura della Parrocchia  presieduta da Sua Eccellenza Rev.ma Paolo Monsignor Romeo Arcivescovo Metropolita di Palermo

Tutta la Cittadinanza è invitata a Partecipare a questi momenti;

Un saluto in Cristo Gesù

Il  Parroco

Don Salvatore Scardina

Il 27 e 28 marzo 2010 il Castello dell’Emiro apre definitivamente le porte. Dopo 18 mesi, finalmente, si potrà avere libero accesso al bene architettonico simbolo di Misilmeri. L’inaugurazione del castello è stata inserita nella XVIII edizione giornata FAI di primavera http://www.fondoambiente.it/.

Il FAI è coorganizzatore, con il comune di Misilmeri, della manifestazione. La presenza del FAI  conferisce maggiore difusione e prestigio all’iniziativa. “Conto sull’amore dei cittadini misilmeresi”, ha affermato il sindaco Salvatore Badami, “per la loro città ed il loro patrimonio culturale. Un occhio attento della cittadinanza può scoraggiare fenomeni di vandalismo ai danni del nostro castello”. L’iniziativa di inaugurazione prevede un ricco programma che si articolerà su due giornate. Sono previste manifestazioni di spettacolo e performance artistico-teatrali. I dettagli del programma saranno resi noti nei prossimi giorni.

Tratto dal sito ufficiale del Comune di Misilmeri

Emirok Informa

CAPONATA DI CARCIOFI
Tagliare i carciofi a fettine e man mano  metterli a bagno con acqua e limone.
Bollire i carciofi in acqua e mezzo limone.
Appena cotti sgocciolarli.

CONDIMENTO:

Soffriggere la cipolla
Aggiungere sedano a pezzetti, olive bianche, capperi, un po’ di zucchero e mezzo bicchiere di aceto; cucinare a fiamma bassa.
A parte fare la salsa.
Al condimento aggiungere poi la salsa e i carciofi; cucinare sempre a fiamma bassa.

Inviata da lezia

« Pagina precedente